Follow us on Facebook Follow us on Instagram

Italiano

Login

Quintetto S. Cecilia & Leonora Armellini

Pianoforte e Fiati

Se sei un abbonato e hai un codice clicca qui

 

Programma

 

L. Thuille
Sestetto in Si bem. magg. op. 6 per pf e fiati


N. Rimsky-Korsakov
Quintetto in Si bem. magg. per pf e fiati

Quintetto di fiati di Santa Cecilia 

Andrea Oliva flauto 

Francesco Di Rosa oboe 

Lorenzo Guzzoni clarinetto 

Andrea Zucco fagotto 

Guglielmo Pellarin corno


Leonora Armellini pianoforte 

 

Nella memoria degli ascoltatori sono ben presenti i virtuosismi strepitosi, le brillanti energie, volteggi e ritmi limpidi quanto aggressivi di trombe, corni, oboi e flauti presenti nelle musiche di Bach, Haendel o Vivaldi d’inizio Settecento. Poi, una troppo lenta evoluzione tecnica, metteva in disparte questi strumenti che per lunghi decenni si limitavano a rafforzare la loro autorità nell’orchestra.
Ed ecco, sul finire dell’Ottocento/inizio Novecento, una rinascita nuovamente strepitosa, non solo nel regno dell’orchestra a firma di Igor Strawinski, ma inaspettatamente nel mondo della musica cameristica, regno assoluto dei ‘nemici’ archi. Un passaggio assicurato e guidato da un ‘Re’ della cameristica, il pianoforte, costretto per forma fisica a suonare in una ‘camera’, orgoglioso di trovare nuovi compagni con i quali condividere i tratti caratteristici dello stile concertante e stimolare impensabili capacità espressive nei nuovi arrivati.
A uno spettacolare Quintetto di fiati di Santa Cecilia, tolto dall’orchestra-simbolo dell’Italia – e qui sostenuto da una giovane stella tutta italiana del pianoforte come Leonora Armellini –, la Filarmonica di Trento ha affidato la lettura di una magistrale pagina del maestro di Strawinski Nicolai Rimsky-Korsakov, forse ancora vagamente sperimentale, seguita da un’opera compiutamente immersa nel camerismo, anche accademico, di Ludwig Thuille fedele apostolo del camerismo più perfetto incarnato da Johannes Brahms.


Il quintetto di fiati, equivalente per importanza al quartetto d’archi, rappresenta per i fiati la formazione più completa a livello sonoro e ricca di repertorio. L’idea del gruppo invitato a Trento è ricreare con questa piccola, ma eterogenea, formazione tutta la ricchezza dei timbri orchestrali, facendo tesoro, nel momento esecutivo, delle esperienze raccolte dai protagonisti durante le tournée nelle più importanti sale internazionali, lasciando però libero spazio anche alle forti personalità individuali che caratterizzano ‘l’italianità nel mondo’, premiata nei più importanti concorsi dello strumentalismo per ‘legni’ e ‘ottoni’.

Vincitrice del premio “Janina Nawrocka” al Concorso F. Chopin di Varsavia (ottobre 2010), Leonora Armellini, si è diplomata a 12 anni con Laura Palmieri perfezionandosi quindi con Sergio Perticaroli all’Accademia di S. Cecilia di Roma. Trae sempre grande ispirazione dalle lezioni con Lilya Zilberstein presso l’Hochschule für Musik und Theater di Amburgo e Marian Mika, con il quale approfondisce in particolare il repertorio chopiniano. Leonora Armellini ha tenuto più di 300 concerti in sale come la Carnegie Weill Recital Hall di New York o Musashino Concert Hall di Tokyo. In tanta attività trova il tempo per curare anche la musica da camera dimostrando, come nel progetto presentato a Trento, una particolarissima sensibilità artistica.

Music

Società Filarmonica Trento

Stagione Concerti

 
 
202160 min
Music
Disponibile dalle 21 del 29/01 alle 21 del 28/02
Società Filarmonica Trento

Hai un codice? Clicca qui


Se non sei un abbonato della Società Filarmonica Trento puoi acquistare il singolo biglietto per il concerto con una delle seguenti modalità:

- presso la biglietteria online della Filarmonica ed entro 24 ore riceceverai via mail il codice personale per accedere allo spettacolo

- direttamente qui su OnTheatre

Guarda per
9.00
EUR

Troverai il video nell’area I MIEI SPETTACOLI per 28 giorni dall’acquisto e potrai vederlo per 48 ore dal primo avvio.